Feeds:
Articoli
Commenti

Signori e Signore, doveva succedere.
E’ nel lontano e solitario pranzo del 1993, quando bruciai gli spaghetti, che posi le solide basi per l’evento straordinario che si è manifestato meno di un’ora fa.

Ebbene, oggi, alle ore 13,27 sono riuscita nell’impresa che molti definirebbero impossibile.
Tra i molti vi è la mia migliore amica che era al telefono con me proprio mentre s consumava la tragedia, e anche il pollivendolo che mi ha gentilmente fornito il pranzo..
Se qualcuno si è mai chiesto o mai lo troverete sovrapensiero a chiedersi se questo accadimento sia possibile, vi porto la mia sicura testimonianza di 30 enne che ne ha viste tante (ma evidentemente non tutte).

Non importa se sia passata solo poco più di un’ora. Non importa se avete messo proporzionalmente davvero troppa acqua.. ebbene con la fiamma alta è fisicamente possibile bruciare il minestrone.

Quantomeno a casa mia.

Annunci

Un genio

Per saperne di più: JENUS

CHE FIGURA DEMMERDA

Difficile dimenticare un’esperienza così sgradevole.
Un mesetto fa sono stata all’hotel-ristorante LA MERIDIANA di Desenzano del Garda (loc Sandrà).
Dopo aver mangiato malissimo ed essere stata trattata peggio (nemmeno la DECENZA di non farmi pagare un piatto che ho restituito dopo il primo assaggio!) ho scritto una recensione su Tripadvisor (come sempre da oramai un anno).

In seguito ho letto le altre recensioni su questo hotel-ristorante.
E’ incredibile che ciò che io considero al limite del commestibile, qualcuno lo definisca ECCELLENTE.
E’ incredibile che quello che io considero scandaloso, qualcuno lo descriva com “servizio gentile”.
Ma ognuno ha palato e modi che si merita.

Non è il primo esempio di posto non all’alteza del proprio prezzo ma che vedo recensire positivamente.
Tralascio poi le recensioni quantomeno sospette in cui utenti con una sola recensione NON SOLO rispondono personalmente alle critiche, ma snocciolano addirittura informazioni puntuali e particolareggiate sul ristorante in questione.
Come dire.. informazioni che in genere conosce solo il ristoratore.

In questo caso, ad esempio, parliamo di uno sperduto ristorante in mezzo al verde, 2 stelle e certo non rinomato.

Ebbene, uno dei recensori che ha ha soggiornato negli stesso giorni in cui io sono stata a cena, non solo mi ha risposto dichiarando che la sala che io ho visto semi-vuota con i miei occhi era PIENA, ma dall’alto della sua UNICA recensione contro le mie 37, si è inerpicata nel buffo sentiero della critica al mio palato.

Naturalmente è piuttosto divertente che qualcuno con una sola recensione all’attivo, usi il voto più alto a disposizione per un ristorante che, persino sulle guide, non certo è segnato come un’eccellenza ma SOLO ED ESCLUSIVAMENTE come un ristorante gradevole per quella fascia di prezzo (e anche questo è a dir poco sorprendente visto che per 35 euro a testa ho mangiato in zona 10 volte meglio per tutto il resto del soggiorno!).

Ecco che però mi sovviene il dubbio che qualcosa non quadri nella recensione quando un cliente che viene da PALERMO (dunque chiaramente non un cliente affezionato) che si iscrive a Tripadvisor chiaramente per criticare l’unica recensione negativa, citando l’autore personalmente (cioè me) e, non pago.. snocciolando addirittura argomenti puntuali come la citazione del ristorante su una rivista gastronomica (semi sconoscuta) a riprova della propria opinione.

Mamma mia quanta acrimonia per essere un avventore occasionale, con una sola recensione, verso una sola recensione negativa (almeno per ora).
Mamma mia quanta preparazione per essere un avventore a 1600 km di distanza, informata persino sulla presenza della Fiera del Marmo in zona. Tra l’altro, la famosissima fiera del marmo di Desenzano del Garda che raccoglie visitatori da tutta Italia talmente rinomata che l’hotel in cui soggiornavo io a 2km scarsi dal ristorante era vuoto ed aveva i tipici prezzi bassi del fuori stagione.
Il famosissimo fuori stagione degli hotel in periodo di fiera.

Mi sono presa anche la briga di contattare il signor Daniele Briani, citato sempre dal recensore che mi risponde pesonalmente, per sapere della sua recensione, per capire in cosa non ha funzionato il mio palato e il mio senso dell’educazione, visto che lui, pare sia rimasto soddisfatto.

Soprassiedo spesso sul mangiare male, ma sull’esser trattata male: MAI.

C’era un tempo in cui mi piaceva ciò che mi piaceva.
Un tempo in cui credevo che quello fosse tutto ciò che c’era da sapere.
A me piaceva la carne stracotta.
Solo che, in effetti, a me la carne non piaceva.

Poi un giorno ordino il filetto. Brrr che schifo è crudo!
“assaggialo, è così che si mangia il filetto, altrimenti è duro e assume un sapore più forte. Il palato va educato”.
Superando il disgusto lo assaggio.. che schifo, è quasi freddo. Mi fa senso. Però è davvero tenero.. non ho mai mangiato una carne così tenera.. Interessante.

Tempo dopo riprovo. Sono ancora un po’ nauseata, nemmeno la finisco. Ma per qualche motivo mi sembra che abbia un senso. E così più volte sino a che mi trovo a dire “mi piace al sangue”.
Sino a che non scopro che a me la carne piace.
Erano le suole che mangiavo prima a non piacermi!

Così.. ho cominciato a chiedermi quanti e quali fossero i campi in cui potevo rieducarmi e sino a che punto fosse giusto?
Non mi sono più fatta molte domande e dal mio primo filetto al sangue sono passati parecchi anni.. ma sono passati pochi minuti da quando ho pronunciato le seguenti parole “so cosa mi piace e cosa voglio che mi piaccia”.
Probabilmente molti psicologi definirebbero sbagliata questa espressione eppure io la trovo sana. E’ sano sapere quali pensieri assecondare e a quali non affezionarsi.. sono umana.. non penso e non desidero sempre la cosa migliore, più sana, più logica.. ma negli anni ho piantato saldi i miei paletti.. ho cercato di capire che persona fossi e che persona volessi essere.

Ho scoperto di essere una persona che non ama comportarsi in modo scorretto.
So farlo? Si.
Posso farlo? Certo.
Posso conviverci? Forse.
Vorrò conviverci? L’esperienza mi insegna che il senso di colpa mi farò desistere.

Questo cosa significa?
Semplice. Io posso anche fare una cosa scorretta, ne ho occasione e l’ abilità, ma prima o poi mi sentirò in colpa e vorrò confessare perchè mantenere il segreto mi consuma e ostacola il mio essere felice.. e non c’è nulla a cui tenga più della mia felicità futura.

Ma pur non volendo essere una persona scorretta, sarò tentata?
Si, come tutti.. ma facendo un mix tra ciò che sono e ciò che voglio essere, probabilmente sceglierò di non esserlo per le ragioni che ho appena spiegato.
Questo non fa di me una persona più buona, solo una più logica.

Sono arrivata ad un’età in cui la metà di chi ci prova con me è sposato o impegnato.. non sono poi così eroica nel non dare loro attenzione.. basta mettere assieme una sindrome della prima donna, predisposizione ad affezionarsi e difficile convivenza con il senso di colpa, per capire perchè mi riescono così facili le mie scelte.
Non sono predisposta ad essere seconda, non so essere distaccata e non mi piace essere causa di dolore per la “cornutabile” (crasi per cornuta futuribile).
Quindi rifiuto.
Rifiuto perché ho educato me stessa a volere ciò che mi può anche rendere felice nel breve ma soprattutto lungo periodo.. lasciandomi comunque ampi spazi di libertà nel mezzo.

Non occorre ballare oltre il baratro per sentirsi vivi o pazzi o passionali.
E non occorre giocarsi salute o serenità, per essere persone istintive.

Equilibrio e disequilibrio sono ad un bacio di distanza.

Giovanna ha 37 anni e la sua storia con Carlo è finita. Quando lei ha deciso di lasciarlo, dopo aver scoperto anni di menzogne e relazioni violente parallele, lui l’ha minacciata di morte, l’ha perseguitata a tutte le ore del giorno e della notte.
I genitori lo hanno sempre coperto e difeso. “è un bravo ragazzo” si è giustificata la mamma di Samuele Caruso, il 23enne che ha ucciso a Palermo Carmela. Stesse giustificazioni date a Giovanna quando i genitori del fidanzato le mostravano il foglietto lindo del casellario giudiziario. Alla fine lei lo ha denunciato per stalking e lui è stato condannato. Un mese fa lei ha scritto una lettera ai suoi ex suoceri. Ecco alcuni stralci del testo

Gentili Signori,

l’onorevole titolo di “figlia acquisita” di cui mi avete insignita, mi autorizza ad esprimere il mio parere in assoluta libertà senza chiedere autorizzazioni o porgere scuse (…). Un antico ma particolarmente calzante detto recita “La verità è figlia del tempo” e proprio nel tempo è venuto a galla quanto per anni avete cercato di insabbiare.

La mia più grande soddisfazione ad oggi non è tanto la carcerazione di Carlo quanto l’avervi messo davanti ad uno specchio. Nessuno ha brindato o gioito il giorno della sentenza, si è provata solo un’immensa tristezza confortata dalla consapevolezza del trionfo della Giustizia. L’unica soddisfazione che mi sto togliendo è scrivere queste righe che non sono dettate da astio o risentimento ma da semplice buon senso.

Sono state commesse troppe leggerezze nell’educazione di Carlo (…) Si è preferito soprassedere sulle anomalie del suo comportamento sia per non alimentare pettegolezzi tra vicini e parenti sia per l’altissima considerazione in cui viene tenuto il figlio maschio, magari provando una punta di orgoglio nel vedere che sa come farsi “rispettare” dalle donne.

Ma a chi è giovato? E’ valsa la pena rovinarlo per non aver voluto imporsi e per non aver avuto l’umiltà di ammettere di non possedere gli strumenti per ricondurlo sulla retta via, cedendo il posto a specialisti quali psicologi o assistenti sociali che potessero farne un individuo autonomo, onesto, dignitoso, capace di badare a se stesso? (…) La polvere va rimossa, non nascosta sotto al tappeto.

Avreste potuto anche denunciarlo compiendo così il più grande atto d’amore nei suoi confronti tendendogli una mano per salvarsi da se stesso. Ma avete preferito limitarvi a sgridarlo ogni tanto come si fa coi bambini quando lasciano i giocattoli in disordine e il fatto che il nostro sistema giudiziario non vi reputi perseguibili, vi esonera sì da responsabilità legali e formali, ma non morali.

Generando un figlio avete sottoscritto una sorta di “contratto” con la società, contratto che vede i genitori garanti della consegna ad essa di una persona degna di farne parte: cosa vi ha autorizzato ad infrangere questo patto? Chi vi ha autorizzato a consegnare al mondo una persona con così tanti squilibri, che gioca a rovinare la vita degli altri? Cosa è stato per voi più importante del benessere di vostro figlio? (…)

Non sono madre, ma sono figlia e se sono cresciuta sana, con una formazione adeguata ai tempi e capace di badare a me stessa, è stato soprattutto grazie ai divieti opposti dai miei genitori che si sono tradotti in dolorosi ma formativi NO. Se io sbaglio nessuno mi compra un’auto più potente della precedente o mi permette di togliermi il capriccio del cane o mi copre inventandosi le scuse puerili che sentivo a casa vostra, una per tutte quella dell’invidia dei parenti…Invidiarvi per cosa? per i pavimenti brillanti forse, ma a che serve una casa tanto pulita se sono sporche le intenzioni e la coscienza?

Il messaggio che avete trasmesso a Carlo è che chi sbaglia non solo non paga ma viene perfino premiato.

(…) Se vi foste comportati come dei genitori e non come degli albergatori, a quest’ora la situazione sarebbe molto diversa: a Carlo non servono lenzuola pulite o gustosi manicaretti o camicie perfettamente stirate che lo rendano credibile, ma persone che siano per lui di esempio. E comportarvi civilmente con le sue vittime, dopo tutto quello che ci avete costretto a sopportare, avrebbe potuto rappresentare un momento significativo per lui, mentre avete assunto l’atteggiamento di chi il torto lo ha subito.

A che è servito coprirlo, difenderlo, appellarsi quando è indifendibile anche agli occhi del suo stesso avvocato? Cosa potete ancora opporre agli atti dei Tribunali, tutti assolutamente concordi sull’attitudine delinquenziale? Se non avete voluto aiutarlo a crescere, accettate che ora siano le istituzioni a farsi carico di 38 anni di omissioni.

(…) Non si è voluto prevenire, nonostante le numerose avvisaglie che il ragazzo vi ha mandato negli anni, a danni fatti ma nemmeno correre ai ripari con il risultato che le istituzioni ora semmai lo puniranno e non lo rieducheranno, peggiorando così una situazione già molto critica. E purtroppo siamo state noi vittime a chiederne l’intervento esponendo noi stesse e le persone a noi vicine al rischio di ritorsioni e vendette future.

(…) Dove eravate mentre con me si comportava in modo tale da farsi condannare a due anni di carcere o mentre tormentava le altre vittime? Ha sempre vissuto con voi se ben ricordo.

So bene che chiedergli chiarimenti comporta minacce se non aggressioni, ma voi siete la sua famiglia ed è vostro preciso dovere prendere provvedimenti preventivi o riparatori: abbiate il coraggio di affrontarlo, è il vostro sangue, non potete ne’ temerlo ne’ ignorarlo, sarebbe come dire che temete la vostra testa o il vostro cuore. E se doveste avere la peggio, a parer mio è più giusto e coerente che al pronto soccorso ci finiate voi piuttosto che la sottoscritta.

(…) Mia madre, anche se sono alla soglia dei 40 anni, fruga ancora nelle mie tasche e nel mio cestino se fiuta qualcosa di poco convincente che mi riguarda. Non vi mancano la luce e l’aria nel tenere continuamente la testa sotto la sabbia?

(…) Siete stati talmente “distratti” da non riuscire a controllarlo nemmeno nel periodo dei domiciliari: rendendo inaccessibili telefoni e computer forse si sarebbe risparmiato una condanna. E dopo aver perso anche in appello, un giorno l’ho trovato a 200 metri da casa mentre andavo in ufficio alle 9.15 del mattino intento a simulare un incontro casuale per avvicinarmi e provocarmi. Episodio che mi ha costretta a deviare verso il Commissariato……ma chi è Carlo per voi? Possibile non riusciate a tenerlo a bada nemmeno in un momento così delicato? Cosa aspettate per intervenire, un omicidio? Sforzatevi di vedere il positivo di questa vicenda: non dovrete più fingere normalità e spensieratezza.

La messa in scena è terminata, non dovete nemmeno più simulare quell’ipocrita aria trionfante che avevate nel mostrarmi il casellario nel 2006 quando ancora godeva del beneficio della non menzione. Umanamente è comprensibile l’amarezza che provate, ma è l’atteggiamento di sufficienza che avete assunto ad essere quasi diabolico. Fate che Carlo sia e resti un problema vostro e non mandatelo in giro a turbare la serenità di famiglie oneste (…)

Se poi siete talmente avvezzi a trattare con poliziotti e avvocati da pensare che facciano parte del quotidiano di chiunque, vi informo che personalmente ho varcato la porta di studi legali, commissariati, di un pronto soccorso e di un carcere solo dopo aver incontrato voi e da quando siete usciti dalla mia vita non a caso non ne ho più avuto la necessità.

(…) Grazie a Voi ho conosciuto tutto ciò da cui la mia famiglia ha sempre cercato di proteggermi proprio come farebbe qualunque famiglia coscienziosa.

A me rimane solo la consolazione di sapere che non può capitarmi nulla di peggio di quanto ho vissuto grazie a voi.

Vostra “figlia”

http://www.informarexresistere.fr/2012/10/23/quel-bravo-ragazzo-lettera-ai-miei-ex-suoceri/#axzz2AADGHrFI

Ho trovato la risposta perfetta per chi parcheggia nei posti riservati ai disabili o davanti agli scivoli dedicati alle carrozzelle..

“Dovevo solo prendere un caffè..”

“ma infatti ti ho solo bucato le gomme”.

E’ incredibile quante cose si possano fare in 3 minuti di tempo libero forzato, concessi dagli incivili ai cittatini di questo paese.
Mettiamoli a frutto.