Feeds:
Articoli
Commenti

EBBASTA.

Dirò una cosa molto impopolare.. ma a me tutta questa compassione verso le donne che subiscono violenza inizia francamente a rompermi i coglioni.
Davvero, da donna, non reggo più questo bombardamento continuo!

Se non denunci, se non ti lamenti, se subisci perchè, brava stronza, lo ami e il cuore ti batte forte-forte quando non ti mena è una tua scelta.. e se devo impegnare la mia attenzione a provare pena per qualcuno, mi spiace, ma sono troppo arida per preoccuparmi di te, preferisco tendere la mano e comprensione a un disabile, ad a un bambino malato di cancro che, se permetti, a differenza tua non ha alcuna responsabilità negli eventi che subisce.
LUI NON HA SCELTA, NON COME TE CHE FAI LA SCELTA SBAGLIATA!

Perchè se non te ne vai, se rimani lì a farti menare per me sei colpevole, almeno in parte, di ciò che accade.

“Non ne ho la forza” con me non attacca.
La trovi.
Nella merda l’abbiamo trovata tutti e magari passando tragedie peggiori magari da minorenni ed immaturi.
Se non la trovi si vede che non ci tieni molto a vivere.
E se non ci tieni tu.. figurati io!

Perchè con il tuo comportamento debole mi fai vergognare di essere donna.
Una donna non è questo.
SMETTILA di rappresentarci così.
SMETTILA PORCA PUTTANA!

Annunci

ORA NON CI SERVONO LE VOSTRE PAVIDE CODE TRA LE GAMBE.

ORA ABBIATE LA DECENZA DI LASCIARE NOI, CHE VE LO AVEVAMO DETTO, A PIANGERE SUL LATTE CHE AVETE VERSATO SUL NOSTRO FUTURO.
VOI NON AVETE IL DIRITTO DI PIANGERE CON NOI.

ORA STATE ALMENO ZITTI.

…O pensi che ad essere trattato da coglione da una come la D’Urso sia stato il popolo italiano?
E’ questo il giornalismo che vuoi?
E’ questa l’informazione che pensi di meritare?

Essere preso per il culo da Barbara D’Urso?
Volendo puoi essere così stupido da fottertene, tanto il danno d’immagine è ai grillini.. ma quello trattato da coglione, ricordalo bene, sei stato tu spettatore.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/06/falso-eletto-5-stelle-nel-salotto-di-canale-5-e-unattivista-iscritto-10-giorni-fa/522908/

Lettera a Michele Serra da un’attivista a 5 stelle!
Michele, ti vogliamo bene fin dai tempi di Cuore, siamo certi della tua onestà intellettuale, per questo ti …vogliamo parlare. Sta succedendo qualcosa di nuovo, tu lo hai capito, sei uno dei pochi in quell’ambiente.
Devi riconoscere che il PD è un partito nato male, in provetta, senza passione. E che la passione in politica è l’energia che muove tutto. Siamo molti nel M5S ad essere rimasti muti per vent’anni, storditi dalle bastonate dei tradimenti dei politici cosidetti di sinistra.
Beppe Grillo ci ha aperto gli occhi, ci ha fatto uscire dalla paralisi della dicotomia berlusconi-antiberlusconi e ci ha fatto vedere che il PD non è un partito politico, è un’associazione per la gestione del potere.
La delusione, l’impotenza, l’incapacità di capire ci ha depresso per un bel pezzo della nostra vita, alcuni se ne sono andati via, altri hanno spento i propri sogni; ma ora basta.
Piangere di felicità appena sveglio la mattina dopo i risultati elettorali; sentirsi stordito per le centinaia di volte che il presidente di seggio legge sulla scheda Movimento cinque stelle; fare notte fonda per ripulire una piazza dove c’è stato un comizio politico a cui hanno assistito mezzo milione di persone, insieme a ingegneri, avvocati, commercialisti, professori, tutti volontari; dormire tre ore per notte eppure svegliarsi di slancio e mettersi al computer per organizzare le cose; dire alle persone per strada cose retoriche ma vere e sentite, e per questo magicamente non più retoriche… tutto questo sta succedendo.
E’ arrivata una tempesta Michele, e ci spingerà in acque sconosciute, e sarà un viaggio che cambierà tutto. E chi ancora non lo capisce, si sta perdendo qualcosa.

NB: E’ vero, siamo populisti, nel senso che ci preoccupiamo per la nostra gente, che non abbiamo altri padroni che il nostro popolo. Provate a convincermi che è sbagliato.

ADESSO PROVA A RIPETERLO PENSANDO CHE UNO DI LORO SIA TUO PADRE.
.
6-4e-5411

L’agenda Monti

A me l’agenda Monti piace molto onestamente.
Realizzata con cura, finiture di pregio e poi ottima la selezione delle pelli.
Umane.

Non ho messo quel “quasi” come critica, azi, trovo questo film perfetto nel proprio genere.
Una commedia leggera e profonda.
Non poi così leggera, forse neppure così frofonda.

Ha il grande pregio di toccare alcuni temi, alcuni spunti di riflessione senza dare risposte vere, quasi come a puntare l’indice senza far seguire un discorso. Giusto qualche commento. Nemmeno troppo invadente per lo spettatore.. a differenza di alcuni messaggi che entrano in testa senza bussare e si accomodano come fosse casa loro.

Un film delicato, nell’umorismo e nel messaggio.
Un film che mi ha strappato diverse risate.

Un film recitato bene.Oh ma bene!
L’ultima volta che mi sono scomodata con una recensione positiva è stato per lo splendido “Quasi amici”.

Ecco a modo suo, questo film mi ricorda quel tipo di qualità. Quella che mi piacerebbe trovare più spesso.

E poi..Castellitto.
Castellitto è Castellitto.